lunedì 30 giugno 2008

E' il primo giorno di primavera...

Ah, finalmente, cazzeggio globale totale..
Sveglia presto perchè ancora sono abituata alla vecchia sveglia, giro su internet, colazione, salto al centro per l'impiego, pranzo, musica, da Mario per un saluto, poi dall'estetista per un massaggio drenante, dimagrante e tutti gli ante che volete, musica a palla in cameretta con l'occhietto che si chiude, cena, lampada pre-mare, un salto da mio fratello per salutare il mio tato prima della partenza.
Ah, è vero, dimenticavo, mercoledì parto per la mia CALABBBBBRRRHHHHHHIA!!!
Ora fettona d'anguria ghiacciata e doccia. Poi boh, que sera, sera!

domenica 29 giugno 2008

Feste Feste Feste

Ciao ragazzi, eccomi qua, reduce da un tre giorni di feste continue..
Sono esaurita e cicciona, oltre ogni dire..
Venerdì sera c'è stata la pizzata coi miei, ormai ex, colleghi, ieri la festa di Cristian e oggi quella di Cinzia e Marta che si trasferiranno a breve a Dublino.
Ieri è stato un giorno da delirio, in piedi dalle 6 per preparare la torta per il mio tato, andare a prendere gli ingredienti per la torta (per la fretta, all'Esselunga, mi sono tirata dietro uno di quegli scalini di ferro che si usano per arrampicarsi sugli scaffali e mi sono, detta alla calabrese, "scorciata" mezzo stinco, me ne sono accorta quando il sangue mi colava ormai sul piede. Poi al Toys a Cinisello con Gianluca per prendere il regalo, poi ritorno a casa e chi c'è? Cristian! Mio fratello l'ha lasciato qui da noi mentre si tagliava i capelli. Dopo pranzo ho preparato il treccione alla Nutella per la festa di oggi. Poi ho ultimato le decorazione dell'altra torta, ho fatto i capelli a mia madre e mentre mi stavo docciando è arrivato il mio cammello sulla sua moto superstar..
La sera la festa e il mio regalo è stato l'evento centrale della serata: una casetta gonfiabile con dentro lo spazio per saltarci (al mio tato piace tanto saltare sui letti); se n'è impadronito e per circa un paio d'ore non ci faceva entrare e giocare nessuno. Poi s'è ammorbidito e la casa è stata assaltata dagli altri bimbi invitati.
Ieri a nanna ancora tardi e oggi sveglia piuttosto presto per essere domenica e per aver passato una settimana al fulmicotone! Ci prepariamo e partiamo alla volta della festa con tappa per prendere la mia amica Silvia. Alla festa in giardino c'era un caldo pazzesco e poco dopo essere arrivati ci siamo resi conto di aver lasciato il treccione a casa mia al fresco in cantina..
Ormai non ce la faccio più, sono fulminata..
Quindi, mangiamo qualcosa e saltiamo a casa mia per prendere il dolce, torniamo indietro e la festa poi finisce, tra chiacchere, schizzate d'acqua con la canna, birra, carne, risate, racconti, baci e abbracci.
Va beh, vado a trovare la mia amica Mario, è qui fino a domani e ancora non l'ho vista.
Ecco, nel frattempo alcune foto di ieri e oggi.
La tavola con la torta del mio tato:

Io e Cristian nella sua nuova casetta gonfiabile:

Io e Silvia:

E infine io con le mie tre amiche speciali:

sabato 28 giugno 2008

E' FINITA!!!!


Ce l'ho fatta! Sono riuscita ad uscire dal tunnel del lavoro, almeno per il momento!
Ieri mi sentivo strana, non riesco mai a realizzare quello che mi succede quando mi succede e soprattutto quando lo aspetto da mesi...
Va beh, comunque è andata.
Ieri sera pizzata coi colleghi in centro e poi a nanna.
Stamattina sveglia prestissimo per poter completare la torta del mio tato e ho paura che non venga bene, mi sa che non si staccherà mai dalla tortiera e dovremo festeggiare con la tortiera in alluminio in bellavista..
Beh, se così fosse potrei metterci un po' di carta crespa per coprire i bordi, boh, poi vedrò, non fasciamoci la testa prima di rompercela..
Vado, devo andare a comprare il regalo, ancora non l'ho preso..
Lo so, è vergognoso ridursi sll'ultimo momento...

venerdì 27 giugno 2008

E' inutile...

... non ce la farò mai ad andare a letto presto..
Il mio destino è di errare di giorno con delle occhiaie misurabili in ettari e poi di sentirmi la sera sveglia come una lippa..
In effetti stasera non è che mi senta proprio in piena forma, ma non mi va di andare a nanna presto..
E poi dai, sta per iniziare il mio ULTIMO giorno di lavorooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!

giovedì 26 giugno 2008

Citazione Lansdale

Sulla soglia c'era Gidget, con il viso assonnato e i capelli scarmigliati. Era nuda come mamma l'aveva fatta, ma certamente in miglior forma di quel giorno lontano, e si stava infilando un paio di short di jeans, domandoli come un cavaliere di rodeo può addomesticare un destriero selvaggio, e agitava il soffice culo avanti e indietro come un pendolo, regalandogli una sbirciata di altre bellezze, le tette ciondolanti, le gambe lunghe e morbide e tornite di muscoli, la v scura della peluria che Eva aveva usato per distruggere Adamo. Figuriamoci se era una mela. Lo sapevano tutti cosa voleva Adamo e perché s'era comportato in quel modo. Una donna come quella, come Eva, come Gidget, ti convinceva ad appic-care un incendio doloso alla casa dei tuoi vecchi e prendere a badilate e-ventuali superstiti mentre scappavano fuori. Una donna come quella non doveva sudare molto per convincere un tipo a fregare una mela.

Foto Concerto

Qualche foto, poi lo giuro, vado a fare la doccia all'iris dell'Erbolario per rinfrescarmi..



Magic Bruce


Ragazzi, sono appena tornata dal concerto di Springsteen a S. Siro.
Pazzesco, mi fanno male le mani, mi formicolano e per ora la voce tiene, vedremo domani..
E' stato bellissimo, è un mostro quell'uomo, c'ha quasi 60 anni e ha cantato per 3 ore e le sue mica sono canzoni da radietta da spiaggia.
Ha pure sforato di una buona mezz'ora le 23.30, ora in cui la Letizia Moratti vuole che i concerti allo stadio finiscano. Tiè Letizia, a Bruce e a tutti noi ci fai una sega!!!!
Sono contenta di esserci andata, oggi ho visto un pezzo di storia, un giorno potrò raccontare ai miei nipoti di aver visto The Boss in concerto.
Lo stadio, chiaramente, era pieno, se ci riescono i Negramaro, figuarsi Bruce..
Il palco non era un granchè, ma le riprese bellissime. A volte riprendevano con lui di spalle e in mezzo alle sue gambe si vedeva il pubblico, decine di migliaia di persone, c'era da cagarsi addosso dall'emozione..
WOW, che bello, che bello, mi ha ricaricata anche se sono sfinita e puzzo come un calamaro marcio e stramuorto; mi sono fattona una fetta di anguria per rinfrescarmi e ora aspetto un attimo che abbia il solito effetto diuretico, poi mi faccio una doccia con la carta vetrata al posto della spugna e poi mi butto nel lettino per poche ore prima di fiondarmi a lavoro, per il mio PENULTIMO giorno!!!
Notte..

martedì 24 giugno 2008

Compleanno del mio Tato

Eccomi qua. Sono appena tornata da casa di mio fratello, lui è a Bologna per lavoro, ma io, mia cognata, Charo (un'amica) e il mio tato siamo stati a mangiarci un gelatino in un baretto coi tavolini all'aperto.
Inutile dire che quel criminale di mio nipote ha attirato l'attenzione anche di quelli che abitavano al 7° piano del palazzo all'angolo con le sue frasi ad effetto.
Il fatto è che ultimamente queste finiscono sempre con la fatidica frase, pronunciata a denti stretti e con sguardo di sfida: ANCULO!
Mi fa morire dal ridere e più cerchi di essere serio quando lo sgridi o fai finta di niente e più la risata è pronta a scoppiare agli angoli della bocca..
Beh, non gli ho ancora preso il regalo, perchè la festa vera la facciamo sabato pomeriggio, ma stavo pensando di prender qualcosa di violento o comunque di molto gigante, voglio che il mio regalo sia bellissimo.
Andrò giovedì al Toys e sceglierò, mi farò prendere dall'ispirazione.
Ok, ora vado, devo ancora docciarmi e lavarmi i capelli e prepararmi la colazione, e....

lunedì 23 giugno 2008

Post kmetrico

Cari lettori, devo ammettere che la scorsa settimana i miei interventi sono stati frequenti, ma scarsi in qualità e mi son resa conto di aver tralasciato un sacco di cose della mia sbrilluccicante vita, per prima cosa i dolci che ho fatto.
Tanto per cominciare martedì ho portato a lavoro i baci di dama, ecco la foto, l'ho fatta dal cellulare e non rende, ma col nuovo forno sono venuti buonissimi!!



Ed ecco la ricetta:
Ingredienti
300 g farina
200 g zucchero (meglio meno)
200 g burro (meglio meno)
100 g nocciole/mandorle spellate
1 rosso d'uovo
Nutella a volontà o cioccolato.
Tritare le nocciole insieme allo zucchero. Aggiungere la farina, il burro ammorbidito e il tuorlo. Formare una pasta compatta con le mani.
Su una placca da forno foderata con carta da forno sistemare delle palline piccole fatte con le mani. Mettere in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti o comunque quando vedete che si indorano un po'. Nel forno la parte che poggerà sulla teglia si appiattirà. Toglierle dal forno e farle raffredare. Da fredde spalmare un po' di Nutella o cioccolato fuso sulla parte piatta di una pallina e attacarcene un'altra. Come direbbe il mio tato, Ecco.

E se vi dicessi che ho dimenticato cos'altro volevo scrivere?
Chi sta con lo zoppo impara a zoppicare e a furia di stare coi miei mi sto rincoglionendo, ecco un esempio chiarificatore: ho cenato in fretta per poter poi uscire a prendere una fraccata di cose, tra le quali il regalo per il mio nipotino che domani compie il secondo anno. Non avevo e non ho le idee chiare per cui ho deciso di andare al centro commerciale vicino a casa mia. Quando stavo guardando un tenerissimo costumino da bagno e diquisivo con la commessa della grandezza del popò del mio tato, ho esalato un urletto di terrore (come le donnine dell'800 quando dicevano "Oh, cielo!") portandomi la mano in fronte perchè mi sono improvvisamente resa conto che ho lasciato il bancomat a casa.
La commessa ha compreso il caso clinico e mi ha detto comprensiva: "Non ti preoccupare, cara, puoi tornare domani". Mi ha detto cara, capite? Ha cercato di tenermi buona perchè aveva paura che fossi una schizofrenica alla vigilia di una crisi epilettica!!!

Va beh, lasciamo stare.

M'è venuto in mente qualcosa.
Sabato sera sono uscita con le mie amiche speciali e un aperitivo sui Navigli s'è trasformato in una cena nel quartiere Isola. Modestamente, 'so maca..
Siamo andate in questo posticino bellino, si chiama "Osteria dei Vecchi Sapori" e ve la consiglio, perchè abbiamo mangiato bene, tanto e speso poco. La serata è continuata a casa di Marta e Cinzia (che a breve si trasferiranno a Dublino) con un'allegra chiaccherata. Mi hanno mostrato su youtube dei video pazzeschi, uno è sull'orlo della pornografia musicale, l'altro era tratto dai provini del GF. C'è da schiantarsi dal ridere..
Ecco i link.
http://www.youtube.com/watch?v=Y6VFDbI1rpw
http://www.youtube.com/watch?v=o0VFL8m1HYc

Poi che dire, oggi sono tornata a lavoro dalla mia due giorni di malattia fantasma ed è stato tranquillo.
Ok, vado a docciarmi e a lavarmi di dosso l'afa di Milano.

domenica 22 giugno 2008

Fine Pacchia... Quasi...

La pacchia è quasi finita, domani si torna a lavoro, purtroppo..
Già lo so che questa settimana non mi passerà mai e che domani inizierò a guardare l'orologio per vedere quanto manca più o meno già alle 9.15..
Va beh, dobbiamo farcela, un ultimo sforzo e passerà anche questo.
Sono a casuccia senza il cammello perchè deve lavorare, ha lavorato tutta la settimana come un dannato, fino alla notte e come al solito solo per la gloria..
Spero di salvarlo un giorno con il mio cavallo bianco..
Va beh, devo fare una telefonata urgente, magari scrivo di nuovo dopo.

giovedì 19 giugno 2008

Sveglia Galeotta Autoindotta

Il titolo dice già tutto..
Stamattina dopo la sveglia mi sono girata dall'altra parte e ho dormito fino alle 7.30 quando mia madre si è catapultata sul mio letto dicendomi che era tardissimo.
In realtà avrei dovuto prendere il treno delle 7.16, quindi ero in evidente ritardo..
E' iniziato subito un combattimento cruento nella mia testa: arrivare in ritardo a lavoro o saltarlo proprio? Dopo due nanosecondi di lotta feroce ho scelto la seconda opzione e me la sono ronfata fino alle 9.30.
Colazione con pane caldo e Nutella e poi in cameretta a cazzeggiare.
Il mio medico ha avuto pietà di me e delle mie occhiaie e mi ha dato oggi e domani di malattia.
Ne avevo bisogno, anche se settimana prossima poi finisco di lavorare e avrei potuto tirare avanti ancora per qualche giorno ad essere sinceri.
Va beh, domani viene qui il mio tato e ci gioco tutto il giorno.
Ieri sera sono stata da mio fratello e mi sono ammazzata a giocare a rincorrerci per casa con Cristian e a nascondermi dietro le porte, il divano e altre cose per poi spuntare fuori e urlargli "BUUH" e poi prenderlo in braccio e spararlo contro il soffitto a testa in giù..
Non voleva mai smettere, in compenso avrò perso un paio di kg..
Spero di sentire il mio cammello stasera, ieri ha latitato..

mercoledì 18 giugno 2008

Foto Varie

Ecco alcune foto delle manifestazioni che mi hanno vista come protagonista:
Questa viene da quel famoso giro in moto con le Superga bianche sotto la pioggia..

Questa è dalla festa di compleanno della mia amica Mario.

Io e Mario.

Questa invece è la torta di compleanno che le ho fatto io.

martedì 17 giugno 2008

Non guardarmi, non ti sento

Bene, partita finita, me la sono guardata con la mia mammy in soggiorno mentre mio padre sicuramente stava appiccicato a qualche telenovelas..
Si, la mia famiglia è un po' strana e la maggior parte delle volte penso di essere vittima di una candid camera perchè è impossibile che certi dialoghi siano veri.
Uno ha avuto luogo stasera.
Mentre mangio la mia tazza di latte coi cornflakes, reduce da una seduta intensiva al "Tempio del Fitness", mio padre mi fa: "Ma quando esci con la macchina ci porti della gente?" e io: "Si, perchè?" e lui: "Eh, perchè io e tua madre c'abbiamo trovato un mazzo di chiavi" e io: "Ma che chiavi sono?" e lui, supportato da mia madre: "Mah, un mazzo, normale, chiavi di casa" e io: "Boh, nessuno mi ha detto niente ultimamente, ma quand'è che le avete trovate?" e mio padre, con MOLTA naturalezza: "Mah, due o tre mesi fa, perchè?" e io: "Ma come perchè?!! Va beh, ma dove le avete messe?" e loro, questa se la sono preparata, perchè non è possibile: "Boh, non lo so, forse sono appese giù, forse le abbiamo lasciate in macchina, boh..."
Cazzo, non ce la possiamo fare..

lunedì 16 giugno 2008

Nanna Nanna Nanna

Ecco, in queste 3 parole il riassunto del mio weekend..
Alla fine al cinema ci siamo andate, venerdì, e abbiamo visto "E venne il giorno". L'idea è fantastica: ad un certo punto le piante, stanche dell'uomo e delle sue continue aggressioni, iniziano a produrre una sostanza che respirata dall'uomo, lo induce a suicidarsi. Peccato che sia recitato malissimo e che ci mettano sempre in mezzo la solita storia sentimentale melensa..
Boh, giudizio globale abbastanza negativo.
Sabato mattina sono andata dal cammello e a parte un giro in bici con sua sorella per le campagne alessandrine, il resto del fine settimana si è svolto con me arrotolata in km di piumino e con la bolla al naso..
Tanto per cambiare piove e m'è venuto mal di testa e io sto iniziando a sclerare, non ce la faccio più, voglio l'estate, sto sclerando, sclerando, sclerando..

venerdì 13 giugno 2008

Tempesta in avvicinamento

Tanto per cambiare, un temporale si sta abbattendo su Milano..
Sarebbe ora di smetterla, perchè c'ha rotto veramente 'sto tempo..
Avevo programmato di uscire con Silvia, ma ci rintaniamo in un cinema perchè di andare in giro e inzaccherarci tutte e tribolare per il parcheggio, proprio non ne ho voglia.. E poi mi sta pure salendo di nuovo il mal di testa.
Lo so, sono una chiavica!
Forse andiamo a vedere Gomorra, io ho letto il libro e m'è piaciuto, speriamo.
Ieri ho corso un pericolo mortale: ho passeggiato da sola, con il bancomat nel portafogli in Corso Buenos Aires, a 20 gg dai saldi..
Pericolo mortale per il mio conto in banca..
Per fortuna sono stata forte e ho resistito, niente vestiti, solo un paio di libri e un pensierino per il mio cammello che incontrerò domani.
Poi insieme alle 3 mie amiche speciali siamo andate a prenderci un aperitivo in un posto vicino alla Staz. Centrale e poi a casa; io ho preso una sangria e mezza; appena arrivata a casa mi sono docciata e ho cercato di guardarmi Shining, ma non ce l'ho fatta, l'effetto soporifero del vino ed il fatto che in questa settimana abbia dormito più o meno 5 ore a notte, mi hanno stroncata e sono stramazzata nel letto alle 23.30.
Oggi a lavoro m'è venuta la consueta claustrofobia da venerdì pomeriggio, quella che ti viene quando senti la libertà così vicina, ma anche così lontana..
Va beh, vado a pittarmi un po' per togliere questi decimetri di occhiaie..
A presto!!

mercoledì 11 giugno 2008

Ufficiale e Gentiluomo

Beh, non ce l'ho fatta neanche stasera ad andare a letto presto.
Dopo un salto al "Tempio del Fitness", una cena a base di Kellog's e una doccia, ho sistemato la lista di film che ho sul pc e ho trovato questo.
Lo so, dovrei vergognarmene, machissenefrega!
Richard è Richard e poi la scena finale in cui entra in fabbrica e si prende la tipa in braccio è un mito; ho vissuto fin dall'infanzia questo mito, fin dalle elementari, quando il mio principe azzurro era mio fratello, sognavo che mi venisse a prendere all'uscita, mi sollevasse in braccio e mi sedesse sul manubrio della bici e mi portasse a casa. La scena perfetta, naturalmente, prevedeva che tutte le mie compagne di classe mi attorniassero e invidiosissime guardassero alla bellezza statuaria di mio fratello e sospirassero gelose di tanta felicità.
Che dire, una cosa del genere non è mai successa, è venuto a prendermi solo una volta, quando ha preso la mountain bike nuova (che io, forse per ripicca mi sono fatta ciulare dopo qualche anno..) e invece di mettermi sul manubrio (c'era il cambio) m'ha messo a cavalcioni della canna provocandomi una frattura scomposta all'osso pubico.. Inutile dire che le mie compagne non avrebbero voluto essere al mio posto..
Un'altra volta il mio primo ragazzo m'ha aspettato fuori dalla metro la mattina del mio compleanno con un mazzo di rose rosse gigante e allora,direte, ho avuto il mio momento, ma no! L'avevo lasciato due settimane prima e m'ha fatto solo girare gli zebedei..
X il resto la mia vita è stata un prosieguo di illusioni, anche il cammello, l'unica volta che m'è venuto a prendere, s'è perso nella circonvallazione interna ed è arrivato dopo 3/4 d'ora la fine del lavoro con una barba di minimo 3 mesi che sembrava un talebano dopo l'addestramento.
Va beh, consoliamoci guardando Richard e i suoi magnifici occhi..

Pizzata

Appena tornata da un'altra pizzata con gli amici dell'altra volta e qualche precedente disertore. Abbiamo aspettato 3/4 d'ora fuori da una pizzera prima di decidere di tornare a quella dell'altra volta..
Bello come al solito, risate, ricordi, volgarità e prospettive future, e poi, Valentino è sempre più bello!!!!
Va beh, vado a nanna, fra poche ore sarò sul treno verso il lavoro..
Ah, a proposito, - 16!!!!!

lunedì 9 giugno 2008

Monnezza


Tema di grande attualità, ma il contesto della mia avventura è diverso da quello delle cronache dei nostri giorni..
Beh, andiamo con ordine.
Questa domenica abbiamo festeggiato il compleanno di una mia cara amica ad Asti e io dovevo preparare la torta. I piani del cammello per il weekend erano che sarebbe venuto qui sabato sera in macchina con degli amici e poi saremmo andati da lui e la domenica alla festa; per cui avrei avuto a disposizione il sabato pomeriggio per prepararla con calma e poi portarla la sera e metterla nel frigo di Gianni ad Alessandria.
Venerdì pomeriggio stavo facendo la spesa per la torta e mi arriva un sms del cammello che mi avverte che sarebbero venuti quella stessa sera, IN MOTO...
Cazzo di Buddha..
Va beh, mi sono detta, mi porto tutto dietro (compresa la maxi teglia di alluminio) e poi la preparo domani a casa sua.
Venerdì è stata una bella giornata dal punto di vista metereologico, ma verso l'ora di cena nel cielo s'è scatenato il finimondo..
Inizia ad aprirsi un dilemma amletico dentro di me: vado ora in moto, rischiando di ammazzarmi, bagnarmi, ammalarmi o domani con calma col treno?
Secondo voi cos'ho scelto? Beh, naturale, la prima...
Il problema è che io non niente di impermeabile quindi ho chiesto subito aiuto ai miei e mio padre ha tirato fuori dalla macchina un k-way (si scriverà così?!) marcio che usa per andare all'orto nei giorni di pioggia.
Bene, la parte superiore è coperta, ma le gambe?
Scartiamo le superga e mettiamo un bel paio di stivaloni da cowboy e dei jeans, ma comunque il problema non è risolto. Gli stivali s'inzuppano e i jeans peggio..
Lampo di genio alla McGyver: i sacchi della spazzatura!!
Con l'abbondante aiuto di un provvidenziale rotolo di scotch marrone, sotto lo sguardo interrogativo e minaccioso di mia madre, mi sono bardata come un power ranger in pensione dopo 15 anni di disoccupazione e siamo partiti alla volta del Piemonte.
X fortuna dopo una 50ina di km la pioggia ha smesso, ma allora la fame s'è insinuata nei nostri corpicini provati e ci siamo fermati all'Autogrill.
Il rumore delle Harley ha radunato un po' di curiosi, come al solito, e da strati di protezioni, tute da pioggia, tute dei power rangers, chiodi zuppi e scotch marrone, siamo usciti noi 4. Io naturalmente ho smesso i miei abiti da supereroina nel più vicino cestino, ma eravamo sfatti comunque, loro più di me perchè s'erano fatti 4 ore o giù di lì di pioggia ininterrotta..
I comessi dell'Autogrill tremavano quando ci hanno dato i rustichella e icaro vari, pensavano che gli avremmo sfasciato il locale e il nostro abbigliamento e le nostre facce stridevano un po' col look fichetto dei ragazzi del venerdì sera..
Sembrava il set di un fil di Bud Spencer e Terence Hill..
E' stato divertente però, m'è piaciuto un casino..
Il weekend è poi scivolato molto in fretta, fra la preparazione della torta e la festa di ieri.
Le foto non le ho, aspetto sempre il cammello...

venerdì 6 giugno 2008

Latitanza

Scusate la latitanza.
Rieccomi.
Posso dire di essere quasi completamente resuscitata dalla mia settimana di raffreddore oceanico e mal di cervicale. In compenso continua a piovere..
Ho fatto 4 calcoli e ho notato che, a parte sporadici giorni, è da metà marzo che piove: NON CE LA SI FA PIU'!.
Voglio l'estate, il caldo, i miraggi sull'asfalto, i tacchi che ci si conficcano, le canottiere, niente più ombrelli appiccicosi e l'umidità che ti entra nelle ossa.
O NO?!
Va beh, le previsioni sono pessime, il mio umore anche..
Oggi sono in ferie, l'ho chiesto un po' di tempo fa, così, mi faccio un weekend lungo lungo.
Andrò dall'estetista, un salto al "Tempio del fitness", esco con le amiche, robe così, rilassanti, senza aver l'acqua alla gola.
Questo è il mio ultimo mese di lavoro, spero passi in fretta, non vedo l'ora di essere libera come oggi per un numero di giorni infiniti (la speranza è l'ultima a morire..).
Beh, nei giorni trascorsi, c'è stato qui il mio cammello un paio di giorni e abbiamo cenato fuori, cinemato, shoppingato, visitato mia cugina che ha partorito e poi, irrimediabilmente, mi sono addormentata mentre lui si guardava un film, non so perchè, ma mi succede sempre..
A lavoro è stato tranquillo, i ritmi ora sono molto più umani.
Ieri sera ho fatto una pizzata con miei due cari amici, gli altri hanno disertato miseramente.. E' stato bello, erano mesi che non mangiavo una pizza.
Va beh, vado, una giornata di cazzeggio mi attende a braccia aperte!

domenica 1 giugno 2008

Waiting for my camel...

Come Lazzaro, sono quasi resuscitata da un 3 gg di esaurimento fisco: mal di testa continuo giorno e notte, nasso tappato, mal di gola, intasamento totale...
Sta per arrivare qui il cammello, per tutta la settimana ci siamo sentiti pochissimo e m'è mancato da morire, non vedo l'ora di stropicciarmelo tutto quanto..