giovedì 27 novembre 2008

Shake it up baby, now

TWIST AND SHOUT!!!
Sono qui, nella mia camerettozza, con le cuffie nelle orecchie ripiene della voce del mitico Bruce e il naso che mi scola.. La mitica Anna di Salerno me l'ha fatto ritornare in mente e non posso non dedicargli una serata..
Con lui infilato nelle orecchie non riesco a coordinare molto la capacità di scrivere, quindi siete avvisati!
Che dire, sono rimasta assente per un po', ma non ho molto da raccontare.
Settimana scorsa si è srotolata nella solita, ormai riposante, routine: sveglia tardissimo, palestra, scrittura di tesi e visione di filmS. L'eccezione alla regola è stata la grande perdita di denaro dovuta ad un'improvvisa e irrefrenabile voglia di shopping, alla faccia di Thoreau e di quello che scrivo nella mia tesi..
IPOCRITA!!!
Ho comprato, comprato e comprato, ma sono soddisfatta, anche se con molti sensi di colpa..
Giovedì sono anche stata in università in biblioteca di anglistica per cercare di sviluppare un argomento che voglio introdurre nella tesi.
Sabato mattina ho incontrato Silvia, la mia patata inglese. Mi sarebbe piaciuto fare colazione alla California Bakery, ma era ormai troppo tardi, per cui ci siamo infilate in una pasticceria coi tavolini in una traversa di Corso Buenos Aires e mi sono sparata una brioche con tanto di quel cioccolato che si poteva prendere a cucchiaiate! Dopo mi ha accompagnata in stazione centrale e ho preso il treno alla volta di quella tristissima città che risponde al nome di Alessandria. Il weekend col cammello s'è svolto secondo il solito copione, con in più tanto, tanto, tanto freddo e tanta, tanta, tanta carne alla brace.
Lunedì mattina invece di tornare a casa ho preso il treno per Asti e ho passato una giornata con Mario.
The blood begin to dry and the smell begin to rise..
Abbiamo chiaccherato fino a notte fonda, ci siamo scambiate vicendevolmente la musica, abbiamo spupazzato Filippo, abbiamo preparato la torta paesana e i pancakes. Il pomeriggio siamo andate a prendere Anna a scuola e poi l'ho portata io a casa e abbiamo fatto insieme i compiti. M'ha fatto una tenerezza incredibile e ho assistito grazie a lei alla nascita della magia della lettura. Quest'estate non sapeve leggere e ora si!! E' incredibile, spero che sia una scoperta che l'accompagnerà per sempre, che la faccia sentire bene come ha fatto con me.
A proposito, ultimamente sono preda di una strana sindrome: ho una voglia pazza di leggere, ma quando vado in libreria mi aggiro senza una meta tra gli scaffali e ne esco sempre a mani vuote perchè non riesco a trovare niente. Boh!
Ieri sono tornata da Asti con la traversata in treno e appena varcata la soglia di casa la prima cosa è stata buttarmi sotto la doccia. Che schifo l'odore che ti rimane attaccato addosso.. E' inutile, al più presto devo avere una macchina mia, tutta profumata e con la musica mia a palla, sempre alla faccia di Thoreau.
'Notte.

Nessun commento: