martedì 9 dicembre 2008

Non so fare gli occhi dolci

E' quello che ho scoperto durante questo weekend. Nel letto io e Gianni ci divertiamo a fare i cazzoni e le scenette e le facce: beh, la faccina con gli occhi che fanno miao miao non sono capace di farla, cosa vorrà dire?! Mah, lo scopriremo solo vivendo.
Che dire, fa un freddo bastardo e può solo peggiorare, come tutti ormai saprete è prevista neve e neve e neve, che gggggioia!! (Ironia)
Almeno è in tema natalizio. E a proposito stamattina, appena tornata dal PiemOnte ho fatto il mio alberello! E' piccolino, ma è bellino, devo ammettere di essermi smarronata alquanto a infilare il filo negli "occhielli" delle palline, ma il risultato è ottimale.
Il weekend si è svolto un po' come al solito.
Sabato pomeriggio sprofondati sotto km di piumone. Domenica trasferta in una gelida Liguria per la partita molto deludente, sclero premestruale con piagnistei e minacce di suicidio, pizza a due e ieri sveglia tardi e nel pomeriggio preparazione da parte di Gianni del suo albero storico spelacchiato e intrippamento da parte mia su alcuni giochi dell'X-Box. A questi giochi c'ho giocato anche stanotte perchè non riuscivo a dormire, ma la sveglia poi ha suonato 3 orette scarse dopo che io avevo spento la luce, per cui ora gli occhietti mi fanno bau bau, micio micio. Ma tanto lo so che appena mostrerò la più timida intenzione di curcarmi, le palpebre inizieranno a spalancarsi come le porte di D&G il primo giorno dei saldi..
E' il mio destino, meno male che ora che non lavoro riesco a recuperare la mattina.
Dopo la preparazione dell'albero e prima della seduta ginnica in palestra (in cui, come a volte succede, si sentivano solo le voci ridacchianti di me e del mio cuginetto Teo) ho preparato un dolcetto che avevo visto da tempo e che mi ispirava, la Tarte Tatin. Ancora non l'ho assaggiata, ma da questo esperimento ho capito che bisogna rovesciarla (nel senso di girarla, non di rimetterla) molte ore dopo, la prossima volta questa operazione la farò il giorno dopo direttamente, perchè tanto la salsina di sopra non si solidifica.
Eccola:

Ingredienti: (Io dimezzato le dosi perchè ho usato un recipiente piccolo)
250 g di farina
125 g di burro freddissimo
100 ml di acqua fredda
1 pizzico di sale
1,5 kg di mele
200 gr di zucchero
130 gr di burro
Come prima cosa preparare la pasta amalgamando velocemente la farina, il burro, il pizzico di sale e l'acqua. Formare una palla e farla riposare in frigo avvolta nella pellicola trasparente per mezz'ora.
Sbucciare le mele, tagliarle a metà e togliere il torsolo. In un pentolino far sciogliere lo zucchero e quando inizia a prendere colore, togliere dal fuoco e aggiungere i 130 g di burro.
Versare il liquido ottenuto nello stampo foderato di carta forno bagnata e strizzata. Adagiarvi le mezze mele con la pancia rivolta verso il basso e infornare a 180° per 20 minuti. Passato questo tempo, togliere lo stampo dal forno, con la pasta formare una sfoglia grande quanto la tortiera e adagiarla sulle mele.
Infornare di nuovo a 180° per altri 20/25 minuti. Come detto prima aspettare un po' prima di girarla sul piatto da portata. Fra un po' mi guarderò un filmetto e me ne pappo una fettina. Vi saprò dire!!

Nessun commento: