giovedì 16 aprile 2009

Miscellanea

Ultimamente non ho molta voglia di scrivere e a ben vedere neanche di leggere, forse è un periodo no per la letteratura in genere, mah!
Non che il mio blog tratti di letteratura..

Giusto per riassumere, il pranzo di domenica l'ho tristemente passato da sola coi miei perchè mio fratello ha paccato all'ultimo momento come a Natale.. Nel pomeriggio sono andata da Gianni e la sera si è svolta normalmente, mangiando.
Mi aveva già anticipato che per il giorno dopo non sarebbe voluto andare da nessuna parte, però poi gli ho fatto il labbrino tremolante e gli ho detto che non stiamo facendo mai niente e allora ha chiamato i ragazzi del Chapter e ci siamo messi d'accordo per ritrovarci al casello di Serravalle per la mattina successiva.
Abbiamo fatto un giro tortuoso e curvoso nell'entroterra ligure e poi ci siamo fermati a pranzo in un posto che vi sconsiglio vivamente. Era una circolo di un paesello, ci hanno trattati malissimo (a quanto pare ai liguri i soldi piacciono, ma sbattersi per averli non gli sembra fondamentale..), fatto mangiare su dei tavoli di plastica impolverati, senza tovaglia, con le posate e i piatti di plastica che volavano ovunque, ci hanno portato 5 vassoi di salame, dei cestini di fave, il pane e del pecorino; noi ci abbiamo aggiunto 4 bottiglie di vino e alla fine ci hanno fatto pagare 20 euro a testa, ma vi rendete conto?! Alla fine io mi sono fatta un panino col salame e qualche fetta di formaggio.. E come se non bastasse quando la tipa ha portato un vassoio di qualcosa nell'appoggiarlo sul tavolo ha fatto cadere la mia lattina di coca che si è rovesciata sulla maglietta bianca dell'Harley che la sorella di Gianni mi aveva prestato! Ah, s'è pure rotta una sedia (di plastica) ad uno dei ragazzi!
Teribbile, e mentre mangiavamo ci hanno detto di non fare casino perchè c'era il prete di fianco che dormiva, MA VAFFANCULO!!!!!
Beh, a parte questo spiacevole evento, poi la giornata è continuata tra giravolte, tappa per gelato e giravolte.
Quando il gruppo si è diviso, siamo tornati al casello di Serravalle dove abbiamo incontrato Fabio che tornava dalle Marche e con lui abbiamo fatto altre giravolte e poi un'altra tappa: appena siamo entrati nel bar, sono scoppiata a ridere, era tutto silenzioso e c'erano 4 vecchi, di cui uno sulla sedia a rotelle. Basta, tutto il bar era qui. Noi eravamo in 5 giovani, mezzi vestiti di pelle, con le facce sconvolte per la moto, saremo stati l'evento dell'anno del paese..
Va beh, siamo poi andati tutti a casa di Gianni e vai con un'altra grigliata..
Azzo, ho mangiato tantissimo..
Ed ero stanchissima la sera, è stata una bella sensazione, è da tanto che non sono stanca, mi sono addormentata tra i bracci del cammello mentre lui guardava la tv. Quando mi addormento così mi sento sempre molto bambina e mi piace un sacco..

Il giorno dopo sveglia all'alba e treno. Invece di tornare a casa sono rimasta a Milano perchè avrei dovuto incontrare Simone. Ho camminato un sacco, da P.ta Genova a Cadorna a piedi, poi con lui da Cadorna a S. Babila, a P.zza Fontana e poi di nuovo a Cadorna. Mi facevano male le gambine la sera e mi sono addormentata stanca anche martedì.
La giornata con Simo è stata bella, abbiamo chiacchierato come al solito, mi ha aiutata a scegliere gli occhiali da sole, abbiamo parlprogettato la mia prossima visita alla sua nuova città, Barcellona. Mi ha fatto davvero tanto piacere rivederlo, era passato più di un anno dall'ultima volta.

Ieri e oggi sono rimasta a casa, palestra ieri e letto oggi, con la piacevole sorpresa di scoprire che con tutti gli strafocamenti di settimana scorsa non ingrassata, ma anzi, che ho perso mezzo kg, ora peso 53.5, voglio arrivare a 50!!!!
Ok, vado, devo mettere fine a questo post insulso.

1 commento:

Lorenzo ha detto...

è bellissimo parlprogettare:-)!