martedì 15 settembre 2009

Quelli a cui Dirty Dancing rimarrà sempre nel cuore

E' così, è morto Patrick Swayze, ho ricevuto la notizia oggi mentre ero a lavoro, in un turbine di email scambiate tra me, Silvia, Cinzia e Marta per il nostro prossimo incontro imminente e per i pronostici sul mio ciclo.
Se mi leggete, saprete benissimo che a quasi ogni crisi premestruale, quando questa si fa proprio profonda e dura, quando mi sembra che niente e nessuno riusciranno a strapparmi alle sabbie mobili dell'umore buio, mi basta rituffarmi in questo film demenziale per ritrovare l'allegria, o meglio, la spensieratezza dei miei 12 anni.
Come al solito da qui ai prossimi giorni partiranno le speculazioni smielose e sdolcinate della nostra tv.
E io non la guardo e fatelo anche voi, spegnete i vostri televisori, per informarvi c'è internet, i film sono continuamente spezzati dalla pubblicità e tagliati dalla censura e le trasmissioni sono volgari e stupide.
Leggetevi un libro, uscite, dormite, giocate a qualcosa, fate attività sportiva, riproducetevi come conigli, ma per favore, SPEGNETE IL VOSTRO TELEVISORE!!!!
Vi lascio con una frase che Vale, una cara amica, ha usato oggi per descrivermi: "Tu sei sarcastica ed ironica, malinconica in modo latente ma tagliente e spigliata. Forse poco gestibile per un maschio "ordinario"..."
Grazie Vale. Ogni tanto ci vuole qualcuno che mi riporti alla realtà.

Nessun commento: