domenica 27 settembre 2009

Una media di 5 a notte..

Ore di sonno, cosa credevate?!!!!!
Maliziosi..
Ogni notte della settimana appena finita mi ha vista tra le braccia di Morfeo per pochissimo, infatti ieri sera sono crollata e ancora prima di mezzanotte avevo le palpebre che mi facevano ciao ciao.
La partenza si avvicina, il tempo scorre velocissimo e inizio a sentire una certa sensazione di vertigine alla bocca dello stomaco, farfallone e vertigini, la paura dell'ignoto, il senso della lontananza da casa, dai miei, dagli amici, il timore che il tutto si rivelerà un inutile e insensata fuga dalla realtà..
Spero di no, dovrò impegnarmi perchè le mie paure non si concretizzino, dovrò abbandonare il nichilismo e il fatalismo che mi contraddistinguono e prendere la mia vita in mano. Ammetto che già il passo che farò è da contropalle, ma l'ho fatto candidamente: uscita dall'agenzia di viaggi, alleggerita di svariate centinaia di euro per il biglietto, mi sono chiesta cosa me lo avesse impedito fino ad ora..
Va beh, divagazioni a parte, il titolo del post è dedicato alle brevi notti che hanno caratterizzato questa settimana.
Lunedì sera palestra e cazzeggio, martedì pizza velenosa coi ragazzi della Western Union che ha provocato apicevoli effetti indesiderati nella maggior parte di noi, mercoledì da Paolo e mi sono addormentata da lui, svegliata dallo scarico del cesso del vicino, mi sono alzata come uno zombie e tornata a casa nel cuore della notte, giovedì da Tony e Carmen, venerdì cimena con Silvia.
Ieri sera il crollo..
Sto un po' meglio ora, un caro amico mi ha detto che se fosse al mio posto in questo momento della sua vita tutto vorrebbe tranne sentirsi triste. E così sarà. Spero che duri.

Nessun commento: