martedì 1 giugno 2010

Pezziata

Sono le 0.55 australiane e nel mio lettino/culla i miei arti inferiori iniziano a urlare di dolore. Vi spiego.
Sveglia alle 9, dopo la quale mi sono subito riaddormentata, sveglia di soprassalto dopo 35 minuti. Alle 10 abbiamo appuntamento a casa di Maria Grazia, in arte MG, la mia super capa di cui non vi ho mai parlato. Il programma della giornata prevede di saltare in sella alla bici e dirigersi verso Point Nepean e il parco nazionale.
Il tutto per una ventina di km. Che non sono tanti, ma ormai le temperature sono scese e in più le strade australiane non sono esattamente in pianura. Proprio no.
Già alla prima tappa da Rye a Sorrento, dopo essere quasi morte alla salita che entra nel paese, le gambe non rispondevano più ai comandi. Ci siamo fermate un attimo al ristorante e la vostra eroina alla vista della scritta SALE su una vetrina non ha resistito. Quando sono uscita dal negozio mi si stavano piegando le gambe.
Ci siamo fatte un tè e la cara MG che ci vuole sempre belle in carne ci ha comprato i brownie al cocco da Brumby's, tempio del male. Dopo la seconda colazione, quindi siamo ripartite. Arrivate al parco ci siamo dette, beh, ce l'abbiamo fatta. Maria Grazia si gira e ci dice, beh, siete pronte? Ci saranno altri 20 km da qui fino alla fine! Azzo.
I posti sono stati come al solito mozzafiato e intensi, iniziando dagli edifici in cui mettevano in quarantena gli emigranti che arrivavano in nave, passando davanti a spiagge del genere , ai fortini usati durante la seconda guerra mondiale per difendersi dagli attacchi giapponesi, intravedendo il mare qua e là fino ad arrivare sulla punta estrema della Mornington Peninsula, gettare lo sguardo avanti e vedere la Bellarine Peninsula dall'altra parte, i due lembi di terra che distano pochi km e chiudono la baia di Melbourne. Il mare che scorre in mezzo pare sia uno dei più pericolosi per i gorghi, le onde e le correnti che hanno causato non si sa quanti naufragi.
Come al solito le nostre scampagnate sono mozzafiato e divertentissime. Purtroppo non so se domani riuscirò ad alzarmi dal letto con le mie sole forze. Me sa che la gita a Melbourne salta. Me sa.

3 commenti:

barracuda ha detto...

Ma sei in partenza? Ciao!

Mary ha detto...

Ciao Leonardo! Si, questa è l'ultima settimana di lavoro e settimana prossima parto. Voglio comprare il biglietto della Greyhound fino a Cairns e scendere dove voglio nelle tappe intermedie. Voglio andare via dall'inverno! Tu fino a quando rimani in terra australe? E dove sarai quest'inverno australe?

barracuda ha detto...

Sono a Katherine e andrò a Darwin verso la prossima settimana, poi decisione. Forse Cairns è una mia meta e poi...forse una "mattata"...l'estremo nord del QLS! Se ti va teniamoci in contatto. Se arivi a Cairns! Ciao, batteria morta!