sabato 21 agosto 2010

Falso addio a Coco's, Kakadu & crazy Darwin!

Ciao ragazzi,
1182 km mi separano da Katherine e 14281 da Roma: sono ad Alice Springs, di nuovo, da ieri sera.
Come ci sono arrivata qui e' una storia lunga. Che inizia il giorno in cui ho lasciato Coco's per la prima volta.
Quel giovedi' di cui potete vedere qui sotto il post che non ero riuscita a pubblicare perche' ero partita poi.
Sono partita con Alex e Jose, un ragazzo lussemburghese e suo nipote. E il furgoncino di Coco. Alex e' capitato da Coco's una decina di anni fa e se n'e' innamorato. Come me. Talmente tanto che lui ogni 18 mesi nella sua vita si prende un break e torna in quel posto fantastico. Ci si e' addirittura sposato, qualche anno fa. Ieri io e Coralie immaginavamo come potrebbe essere un matrimonio li', abbiamo smesso perche' eravamo piegate in due dalle risate. Anyway, Alex quest'anno e' venuto con Jose, suo nipote di 15 anni, per mostrargli un po' di mondo. Credo che sia fantastico. Ho pensato al mio tatone, credo che sarebbe stupendo un giorno fare un viaggio selvaggio insieme. E' stato un giorno strano quello. Ero agitatissima, nervosa perche' lasciavo quel posto fantastico, ho tipo abbracciato Tony 15 volte. Ho vagato come una sonnambula per tutto il tempo e non sono riuscita a fare niente di quello che mi ero prefissata se non impacchettare lo zaino. Per la "tensione" mi e' addirittura venuto mal di stomaco, cosa che non mi succede quasi mai da quando sono in Australia. Le lacrime erano in bilico quando Tony mi e' passato dietro e mi ha detto qualcosa di tenero, toccandomi una spalla e stavo salutando Nobu e Aiumi.
Comunque!!!!
Siamo partiti quel caldissimo pomeriggio e ci siamo sparati i 300 e rotti km che ci separano da Darwin. Ad aspettarmi in un caravan park fuori dalla citta', Coralie e Jerome, un suo amico venuto in vacanza dalla Francia. Dopo poco siamo andati in citta' a incontrare Mikk, Marlene e John. Quella sera, come ogni volta che Mikk e' presente abbiamo degenerato. Abbiamo iniziato da un pub, poi in un locale e poi siamo finiti al drive thru del McDonald's di Darwin. Ubriachi. E' stato divertentissimo. Ho i video che custodisco come un tesoro.
Il bello e' stato che al ritorno al caravan park gli altri hanno dovuto montare la tenda. Abbiamo fatto un casino allucinante. Dopo le solite 4 ore di sonno, ci siamo svegliati, colazionati e poi siamo usciti di soppiatto perche' non avevamo avuto tempo di fare il check in per me il giorno prima e avevamo pagato solo per 2.
Quindi, spesa e on the road, verso il Kakadu National Park.
All'entrata del parco, decidiamo di sorvolare sul pagamento dell'entrata. Paesaggio fantastico. Mosche a bizzeffe. Strada non asfaltata e polverosissima. Quando passava una macchina dall'altra parte dovevamo chiudere i finestrini per un po'.
Sosta in una serie di pozze d'acqua con cascate tra l'una e l'altra. Come sempre ho dato il meglio di me cadendo tipo 5 volte sul fondo limaccioso e sfiorando l'annegamento per una cazzata di Coralie mentre nuotavamo.
Sono arrivati dei ragazzi estremamente ubriachi di fianco a me. Ora, intendo, mentre sto scrivendo. Uno di loro mi si e' seduto di fianco e ha voluto usare la mia mano come mouse. Minchia, solo in Australia..
Va beh, la notte ci siamo fermati a campeggiare e abbiamo acceso il fuoco, bello. Siamo andati a legna nel buio piu' completo dopo esserci ricordati che i serpenti del Kakadu vengono fuori di notte.
Il giorno dopo, sprezzanti del pericolo bagno in un waterhole abitato da coccodrilli d'acqua dolce. Quelli piccoli. 5 o 6 metri, diciamo.
Poi Yellowater river e poi i dipinti degli aborigeni vecchi di decine di migliaia di anni.
E poi di corsa verso la pazza Darwin. Di corsa corsa. Neanche il tempo di fare una doccia (da notare che l'ultima che avevamo fatto era stata a Darwin prima di partire) e ci catapultiamo al Darwin Festival. Concerto dei The Cat Empire. Fantastici. Mai sentiti prima, cercateli online. Barramundi sushi, birre e danze!
Si, ragazzi, ho danzato, li' e al concerto successivo in un altro posto, quello di Barry Brown.
Danzata, incrostata, sudata, bevuta, fumata, kebabbata and that's it!
L'ubriaco della mano/mouse mi ha chiesto uscire stasera. Gli ho detto che ho la febbre, cosa tra l'altro vera, me sa..
Notte in un nuovo caravan park perche' il precedente ha buttato fuori gli altri quando hanno scoperto che eravamo di piu' di quello che avevamo detto.
Marlene e John dormono nel furgone, Coralie e Jerome in tenda, io finisco nell'altra tenda con Mikk. Tenda fradicia. Un caldo allucinante. Mi giro verso Mikk e mi lamento. Mi guarda e mi chiede: "What do you want me to do?!" in tutta risposta ho sparato un rutto astronomico. Coralie e Jerome mi hanno sentita dall'altra tenda e l'ilarita' generale e' scoppiata.
La mattina dopo, impacchettamento generale e via verso Katherine.
Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!! Coralie e Jerome mi chiedono di andare con loro fino a qui, Alice Springs e dico di si! Solo che vogliono andare a vedere la gorge a Katherine, quindi: SI RITORNA DA COCO'S!!!!!!!!!!!
E chi mi trovo nella veranda bello come il sole?!
Brandon, il canadese piu' bello del mondo, con la finta scusa della caviglia dolorante, ha finito per aspettarmi, patato..
Ok, devo andare!

Nessun commento: