venerdì 15 luglio 2011

Ma questi me li ero dimenticata!!!

Reduce dall'ennesima cena organizzata a casa mia, ospiti Albo e Poll, ci hanno poi raggiunti la mia Lady e Adamo. Dopo che sono andati via, mi sono ricordata che domani mattina portano via l'umido e che il secchio era pieno, così l'ho messo nel sacchetto dentro il secchione fuori dalla porta pronto per essere preso. Le mie naricione si sono subito intasate di puzza di marcio morto e allora mi sono messa in testa che prima di andare a dormire avrei ripulito tutto, quindi prima lava la pilona di piatti, poi i fornelli, poi il pavimento della cucina e già che c'ero anche il bagno. E ora eccomi qua. Si, i miei vicini mi amano sempre di più..
Meditavo sul fatto che in Australia ho fatto ben due tatuaggi e che non ve li ho mai fatti vedere!! Il primo è questo:


La foto è stata fatta ad ottobre, nel Kalbarri National Park, Australia. Rosicate. Quella in cui sono seduta è una incredibile e casualissima cornice naturale. Il tatuaggio è quello che c'è lì, all'altezza dell'incavo tra ascella e petto. E' un cuoricino. OOOOOOOOOOOOOOH!
No, non è un cuoricino a caso, è il calco di un cuoricino d'argento che mi ha regalato la mia Silvia londinese, la mia anima gemella; me l'ha portato da Sedona, città magica che c'è in Arizona. L'ho sempre tenuto con me nel portafogli, in uno scompartino speciale e segreto, e ce l'ho ancora, ma ho pensato che tatuandomelo, ce l'avrei avuto per sempre. L'ho fatto fare lì perchè è un punto di energia che se premuto da' quel dolorino misto a piacere, tipo quando vi schiacciano le scapole, solo che schiacciando qui, si aprono tipo anche i polmoni. Lo facevo sempre a Silvia quando abitava ancora a Milano. Nel bel mezzo di una conversazione le schiacciavo quel punto e lei non capiva più niente. E così me lo sono tatuato, in segno del mio amore immenso per lei. L'ho fatto una mattina di marzo a Melbourne, in compagnia di Rob e Claudia, i miei cugini super ospitosi, talmente ospitosi che me l'hanno pagato loro, come regalo.
Aver fatto questo mini tatuaggio mi ha subito fatto venire una voglia incontenibile di farne un altro, più grande. Ho passato mesi e mesi a pensarci su, finchè m'è venuto il colpo di genio. Volevo qualcosa che avesse un forte significato per me, che mi ricordasse quell'esperienza meravigliosa e i motivi per cui l'avevo vissuta e il modo in cui l'avevo vissuta. E questo è il risultato:


Che ricorda l'Australia c'è la Southern Cross, la Croce del Sud, la costellazione che compare sulla bandiera australiana e che si vede solo nell'emisfero australe. Quante notti spese ipnotizzata a guardare quel cielo nero nero nero con quelle costellazioni sconosciute e Orione a testa in giù, magico. 
Dentro ci ho messo una frase del mitico Henry David Thoreau, l'uomo su cui ho scritto la tesi. "Not till we are lost do we begin to find ourselves". Non è finchè ci perdiamo che iniziamo a trovare noi stessi. Come me, che ho perso l'orientamento sottosopra e ho perso me stessa, per poi ritrovarmi, per poi iniziare a conoscermi profondissimamente. E la chicca fenomenale è che la scrittura usata è proprio quella di Thoreau! Ho trovato dei suoi manoscritti scannerizzati online, li ho mandati al mitico Simone di Torino, che li ha passati a suo padre, che nel giro di qualche giorno, grazie a Photoshop, ha unito le lettere a formare la frase. 
Il tatuatore è stato il mitico James Brown con studio a Rye, nella Mornington Peninsula! Questo me lo sono ovviamente pagato io e l'ho fatto a settembre. 
Ok, sono le 3 passate, è meglio che vada a letto, domani pranzo da zio Ciccio e zia Angela, poi in posta a pagare una multa, in erboristeria e poi a Milano per cena a incontrare la mia Silvia di passaggio qui a Milano. 
Notte!  

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ehy ciao.Sai che la vita è un incredibile coincidenza?
Io sono stata quasi un anno fa proprio dove te sei nella tua foto.C'ero per il mio compleanno.Che si avvicina e non riesco a farmi una ragione di come mai adesso non ci sono.La coincidenza n.1 è che cercavo su google il significato delle stelle sulla bandiera australiana (perchè me le voglio tatuare),e la coincidenza n.2 è che...anche io mi sono persa in Australia.Mi sono persa e ritrovata.E adesso che sono tornata in Italia non so più niente.Va bhè.Complimenti per il blog e per i tatuaggi!

Mary ha detto...

Hey! Che coincidenza si! Io ci sono stata ad ottobre, bello, bella l'Australia e bella anche la vita. Non so da quanto sei tornata, all'inizio è una botta pazzesca, io ho capito che prima di poter riscappare ancora e perdermi ancora, devo fare qualcosa per me. Per viaggiare e non scappare.